20131231-141451.jpg

A te che riesci ad emozionarti con una canzone che non hai mai sentito
A te che canti con l’anima connessa alla bocca
A te che vedi crescere ogni giorno il bambino che è dentro di te
A te che non calpesti nessuno
A te che credi che diversi significa più belli
A te che prendi le note dalla terra e le spargi nell’infinito
A te che crei anziché consumare
A te che ricicli anziché buttare
A te che il nulla sostituisci con il tutto
A te che sei fiore nei deserti, acqua e luce
A te che come suoni il piano nessuno,
A te che hai il ritmo nell’anima ed il mondo lo sa
A te che quando scrivi un libro sei musica anche con gli occhi
A te che sei lontana e torni per vivere
A te che torni a vivere e poi vai lontano
A te che volevi esserci
A te che non vuoi che esistiamo perché sei leader solo nelle fogne ed il bello ti spoglia
A te che hai la evve moscia ed è troppo bella
A te che hai subito e non vuoi vendicarti col mondo
A te che hai capito tutto senza parole
A te che non hai mai capito che se hai due orecchie ed una bocca forse devi ascoltare il doppio di quanto parli
A te che giri il mondo tra Gibran e la Sirenetta
A te che giri solo dietro casa tua
A te che sei rinato
A te che sei stato al festival
A te che lo hai cancellato
A te che hai inciso il disco con 40°
A te che sogni di inciderlo
A te che mille popoli insieme urlano stop razzismo
A te che ogni cosa è uno strepitoso e meraviglioso successo di questa amministrazione
A te che che vuoi la pista ciclabile
A te che prendi caffè con gli autori
A te che sogni un ministero delle favole
A te che le favole non le sopporti più
A te che porti Napoli nel mondo
A te che porti il mondo qui
A te che condividi la nostra realtà, perché il sogno è vero.
A te che … E accordala sta chitarra!
A te che suoni senza prendere fiato e qualunque cosa
A te che hai fatto il più bell’inno del Napoli in giro
A te che hai trascinato folle oceaniche con una canzone sulla munnezza
A te che impari l’arte e non la metti da parte
A te che hai pianto e sei scappata
A te che hai pianto ed hai detto grazie
A te che hai riso come un pazzo
A te che da venti nazioni ci hai onorato
A te che sei classica, lirica, moderna e rock
A te che sei Stereobus, Popòdcast e Classici dal futuro
A te che hai cucinato
A te che ci porti le pizze nelle ore più assurde
A te che lasci i vassoi per strada quando porti i caffè
A te che hai un sogno, qualunque esso sia, vogliamo dirti…

Credici fino in fondo, perché se ci credi davvero è inevitabile che diventi realtà.
E grazie per averci sostenuto!

Buon anno a tutti, buon 10° anno illimitarte!